Castello di Suno

La RSA Castello di Suno è una struttura Socio Sanitaria convenzionata con il Servizio Regionale piemontese per ben 105 posti letto. Ad oggi in attesa della ristrutturazione generale in atto con la nuova gestione della RSA, la Società Cloe Srl, i posti accreditati sono momentaneamente 100.

Nel corpo principale del Castello, tra volte in cotto rosso e affreschi di varie epoche, è ubicata tutta la parte Socio Assistenziale: la RSA Alta intensità, con una capienza di ben 38 camere tra doppie e singole per permettere a tutti coloro che lo desiderano di soggiornare anche singolarmente.

All’interno del Castello sono presenti nei 3 piani del corpo principale (piano terra, primo piano e secondo piano) delle sale polivalenti, dove i nostri Ospiti possono liberamente guardare la televisione o partecipare alle varie attività che vengono organizzate dal servizio di animazione, le sale da pranzo dove gustare i piatti preparati dal servizio di cucina interno e all’esterno un bellissimo parco dove poter passeggiare in totale sicurezza.

Nell’ultimo tratto del corpo principale si trova il reparto denominato “Veranda” nel quale le camere si affacciano, grazie a delle enormi vetrate, nel bellissimo cortiletto interno del Castello e soprattutto davanti al Faggio secolare che regala a tutti i nostri Ospiti  un po’ di refrigerio nelle giornate estive.

Passando attraverso un corridoio coperto dal corpo principale si giunge ad una palazzina adiacente di recente costruzione dove all’interno sono inseriti ad oggi due nuclei da 11 posti letto ciascuno, per Ospiti affetti da Morbo di Alzheimer. La Cloe Srl azienda che dal 2010 gestisce la RSA ha avviato con la Regione Piemonte e l’Asl Novara Distretto di Borgomanero, dopo l’emanazione della DGR 38/11189 del 6 aprile 2009, una riconversione dei 22 posti letto ad oggi accreditati come RSA Alta Intensità incrementata. Questa riconversione ha permesso alla RSA Castello di Suno di ottenere, in linea con la nuova normativa due nuclei da 11 posti letto denominati Nuclei Alzheimer Temporanei (NAT).

All’esterno della Palazzina è possibile raggiungere in tutta sicurezza, un giardino immerso sempre nel parco della RSA ma a se stante, dove gli Ospiti dei nuclei NAT possono assistiti dal personale assistenziale, passeggiare in tutta tranquillità.

Sempre all’interno dell’immenso parco della RSA, in una palazzina a se stante denominata “palazzina Caccia”, si trova il Centro Diurno anch’esso avviato per poter accogliere Pazienti con Patologia Alzheimer. I posti del Centro Diurno sono 20 di cui 10 sono in convenzione con l’ASL Novara Distretto di Borgomanero.

La Rsa Castello di Suno per gli Ospiti affetti da Morbo di Alzheimer, si avvale della preziosa collaborazione dell’Associazione Alzheimer di Borgomanero con la quale dal 2010 vengono organizzati numerosi eventi, feste ecc… per tutti i nostri Ospiti e i loro Parenti. Potete trovare tutte le informazioni necessarie sull’associazione al sito: www.alzheimerborgomanero.it

Nella RSA sono presenti il servizio di assistenza infermieristica, di assistenza socio sanitaria, di animazione con un calendario di eventi per tutto l’anno, il servizio di lavanderia, il servizio parrucchiera, manicure e pedicure, il servizio di sanificazione degli ambienti e un servizio di reception dove è possibile richiedere tutte le informazioni inerenti al soggiorno presso la RSA Villa Serena sia come Ospite Privato che come Ospite convenzionato.

Non ultimo, è possibile trovare una palestra attrezzata di tutti gli strumenti necessari per poter svolgere con personale qualificato la fisioterapia.

Tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì negli orari esposti al pubblico è possibile avere un colloquio con i medici di Medicina Generale e il Direttore Sanitario che assistono con professionalità tutti gli Ospiti presenti.

La Cloe Srl inoltre ha avviato un nuovo progetto all’interno della RSA Castello di Suno, la realizzazione di un nuovo centro cottura (sul Sito si possono visionare i Rendering del progetto del centro Cottura) dove si potranno erogare migliaia di pasti al servizio sia della RSA che di tutto il territorio circostante.

   
© Quaranta.Tre